Giulia Mazzoni:”La mia passione è il pianoforte”

giulia mazzoni

La mia passione per il pianoforte è nata grazie ai miei genitori e a uno zio che mi portava fin da piccola ad ascoltare concerti e con il quale ho condiviso la mia passione per la musica. Non avevo il pianoforte a casa. Il mio incontro con il pianoforte è avvenuto per caso. Era una bella giornata di sole. Mi trovavo in giardino e durante una ricreazione ascoltai il suono di un pianoforte che stavano suonando in un’aula. Ero in quinta elementare. Rimasi incantata. Ogni volta che potevo andavo in quella stanza e giocavo con i tasti del pianoforte. Era un gioco inconsapevole, non conoscevo ancora la musica ma è stato importante perchè ha permesso di sviluppare un rapporto di fiducia con lo strumento. Un giorno ho rivelato questo segreto ai miei genitori che mi hanno incoraggiata fin da subito permettendomi di studiare musica, prima alla scuola di musica Verdi di Prato e poi al conservatorio Verdi di Milano.

Mi piacerebbe che questa musica regalasse emozioni, serenità. Permettesse alle persone di sognare e viaggiare con la mente verso isole sconosciute oppure riscoprendo ricordi. Il messaggio che vorrei trasmettere è sognare sempre, provare a realizzare i propri sogni, crederci sempre e non arrendersi.

Credere nei propri sogni è fondamentale così come sognare ad occhi aperti. Non basta crederci. Serve dedizione, lavoro costante e tanto coraggio. La vita può essere meravigliosa ma anche molto difficile e piena di ostacoli ma niente è impossibile. 

Quello che mi auguro che questo sogno non finisca mai e che possa proseguire questo viaggio che ho iniziato. La composizione e la musica per me sono un’esigenza, spero di poter raccontare ancora altre storie e condividerle con gli altri che, come voi, infondono coraggio alle persone cercando di trasmettere sempre valori positivi e buoni sentimenti. Grazie al vostro lavoro molte persone possono sognare. 

 

giulia mazzoniGiulia Mazzoni, nata a Prato il 15 marzo 1989, ha studiato presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. Nel 2013 fa il suo esordio discografico con l’album “Giocando con i bottoni, contenente 14 composizioni inedite per pianoforte solo che si muovono tra tradizione classica e musica pop, riceve il Premio Ciampi per la “Migliore cover di Piero Ciampi” e si esibisce sul palco del Concerto di Natale. Nel 2014 presenta alcuni brani tratti dal suo album all’inaugurazione di Eataly Smeraldo Milano, calca il prestigioso palco del Ravello Festival e si esibisce a Faenza in occasione del MEI, il Meeting delle Etichette Indipendenti. Nel 2015 Giulia viene scelta come unica donna della compilationEataly Live Project (Sony Music) con il brano “Where and when?”, suona come pianista resident per AUDI a Milano, collabora, suonando per la prima volta le sue composizioni all’organo, con l’attore Marco Baliani ed accompagna al pianoforte l’attrice Chiara Buratti nello spettacolo “L’ultimo giorno di sole”. Tanti i concerti tenuti dall’artista tra il 2013 e il 2015, tra cui quelli al Blue Note di Milano e all’Auditorium Parco della Musica di Roma. “Giocando con i bottoni” è stato pubblicato e distribuito anche in Cina, paese dove l’artista ha riscosso un grande successo di pubblico e di critica con un tour di 5 date sold out nelle città di Tianjin, Xi’an, Chongqing, Shanghai e Wuhan. Nel 2016, tra i vari concerti che ha tenuto, è stata protagonista della rassegna Piano City a Milano e del festival Naturalmente Pianoforte a Pratovecchio Stia (Arezzo).

www.giuliamazzoni.com

www.facebook.com/GiuliaMazzoniOfficial

www.twitter.com/GiuliaMazzoni

www.instagram.com/realgiuliamazzoni/ 

www.youtube.com/user/GiuliaMazzoniVEVO