Giorno degli zii: un po’ complici e un po’ guide

giorno degli zii

Oggi è il giorno degli zii, dedicato a festeggiare coloro che rappresentano un punto di riferimento nella vita di ognuno di noi.

La zia e lo zio sono gli adulti della famiglia più vicini. Non sono i genitori, non impongono le regole e con loro si può trasgredire. Non sono i nonni, lontani generazionalmente e nel modo di vedere la vita, ma ci sono più vicini, come i fratelli grandi.

Da sempre la figura degli zii ha un ruolo determinante nella crescita di ragazzi e ragazze. Sono gli adulti con cui ci sentiamo più a nostro agio, con cui ci confidiamo di più. Spesso sono anche la nostra prima fonte di ispirazione. Chi non ha mai voluto fare da grande quello che lo zio o la zia?

Ecco perché è giusto dedicare loro un giorno in cui festeggiarli per l’importante ruolo che ricoprono: il giorno degli zii!

La zia e lo zio sono compagni di giochi da piccoli e ci accompagnano in ciascuna farse della nostra crescita. Con loro noi ci sentiamo più liberi di lasciarci andare e i genitori comunque si fidano, perché siamo sempre con un adulto della famiglia, non con un nostro amico scapestrato! (Anche se a volte gli zii sono più pazzi di noi, ma li amiamo anche per quello!)

Lo zio o la zia sono un po’ la nostra proiezione nel futuro, come se vedessimo in loro noi da grandi. Ecco perché hanno un ruolo molto importante nella nostra crescita personale. Sono la nostra prima fonte di ispirazione e, vedendo loro, impariamo a capire quali sono le nostra aspirazioni.

Molti di noi, poi, sono zii a loro volta, e sanno benissimo come l’amore per un nipote, pur diverso da quello per un figlio, sia forte e indissolubile. Forse perché i figli ci obbligano ad essere più responsabili e a dare loro delle regole, mentre coi nipoti, quando le cose “si mettono male”, possiamo sempre lasciarli ai loro genitori…

 

E tu, sia che tu sia zia o zio, oppure nipote, hai una storia da raccontarci? Scrivicela a info@leadingmyself.it