Benedetta Arese Lucini: “Continuate a far parlare le donne”

benedetta arese lucini

Benedetta Arese Lucini, la possiamo davvero definire un’imprenditrice dell’economia 2.0 attraverso la direzione di Uber prima e oggi con una nuova esperienza, con Oval Money. È possibile portare oggi un’innovazione guidata da donne nel nostro Paese?

È dal 2008 che studio e lavoro nel mondo dell’imprenditoria digitale, prima ancora che in Italia si parlasse del tema! E poi direi che ora siamo già a una economia 4.0! Penso che nella domanda ci siano davvero due domande. La prima è se è possibile fare innovazione da donna e questo penso che sia un assoluto sì, anche se con molta fatica. Il mondo del tech è molto maschilista e recentemente sono uscite ancora di più situazioni che ne evidenziano il machismo e la preferenza per fondatori uomini. Infatti in America di tutte le startup il 38% hanno una fondatrice donna, ma di quelle finanziate solo il 2% sono fondate da donne. Un numero allarmante, perché senza capitale fare innovazione a larga scala è molto difficile. La seconda domanda sull’innovazione in Italia, penso che ci siano tantissimi innovatori italiani di successo nel mondo, e il loro successo è stato pensare al mondo, o almeno all’Europa, non all’Italia. Creare impresa in Italia ormai è molto facile, ma il capitale manca e il venture capital di visione pure, quindi innovare in Italia, ma dall’estero, è molto più semplice.

Tempo fa è volata anche in Malesia per confrontarsi con una start up nel commercio elettronico, un mondo fortemente maschile. È un’esperienza che l’ha forgiata?

Il mondo dell’e-commerce è molto femminile, infatti la maggior parte dei clienti delle piattaforme sono donne, che come si sa controllano le decisioni di spesa familiari. Questo quindi porta a una osservazione: mancano le donne nel mondo del lavoro all’interno del mercato dell’e-commerce che possono meglio comprendere e soddisfare le esigenze delle loro clienti.

Oggi il suo presente si chiama Oval Money; ce lo vuole raccontare?

L’app Oval Money è connessa alle banche o carte e le persone possono avere una visione complessiva delle proprie spese suddivise in categorie e, attraverso l’analisi dei dati, ricevono una consulenza su come potrebbero ottimizzare i propri guadagni e le spese. Uno strumento utile, soprattutto per i lavoratori autonomi e i piccoli imprenditori! L’obiettivo di Oval Money è proprio quello di aiutare le persone a fare scelte più accurate nella gestione delle proprie finanze, oltre che a creare un salvadanaio digitale per i propri risparmi che vengono accumulati in maniera intuitiva e automatica.

Gli utenti accumulano i propri risparmi in tre semplici modi. Prima di tutto, arrotondando le spese all’euro più vicino. Se spendono 6,10 euro, l’app mette gli 0,90  per arrotondare a 7 euro nel salvadanaio digitale in automatico tramite un trasferimento dal conto corrente principale. In secondo luogo, grazie a degli “STEP”, delle regole di accumulo che si basano su comportamenti finanziari e non. Ad esempio, comprando un caffè tramite pagamento digitale si può mettere via fino alla cifra stessa nel medesimo salvadanaio digitale, oppure si può scegliere di accumulare il 10% per ogni spesa fatta su Amazon. Gli Step di Oval si basano sulla gamification per attirare più engagement sull’app, quindi sono anche in grado di collegare l’accumulo a quanti chilometri si corrono la mattina, oppure quante foto si aggiungono sui social media. In terzo luogo si possono accumulare somme attraverso la scelta di fare un deposito una tantum oppure ricorrente. Scegliendo gli Step preferiti, il risultato è che nel giro di poco tempo Oval Money aiuta a mettere da parte un po’ di risparmi in maniera automatica. Questi poi potranno essere investiti in strumenti finanziari come assicurazione vita o fondi pensione. Con i dati che riusciamo ad intercettare attraverso Oval possiamo formulare piani finanziari più adeguati alle esigenze dei risparmiatori. In Italia l’educazione finanziaria è molto bassa, con questa applicazione semplice e intuitiva cerchiamo di aiutare le persone nella gestione economica delle proprie finanze. 

Un consiglio ed un augurio a Benedetta.

Non smettere mai di sognare in grande, perché “le persone che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo sono quelle che poi ci riescono”.

Un consiglio ed una augurio al nuovo LeadingMyself.  

Continuate a far parlare le donne, che c’è bisogno di modelli di ispirazione per dar coraggio a tutte noi.

 

A cura di Barbara Marà @paputtina

 

Benedetta Arese Lucini – 33 anni, laureata in Economia Internazionale all’Università Bocconi, e con un MBA alla NYU Stern School of Business, da oltre 8 anni specializzata nel settore high-tech e start up con esperienze lavorative eterogenee, in Europa, Stati Uniti e Sud Est Asiatico. Torna in Italia come General Manager di Uber e oggi si dedica alla sua start up Oval Money, che vuole ridefinire il rapporto tra le persone comuni e la finanza.

Twitter: @dettaarese@OvalMoney
FB: benedetta arese lucini
IN: https://www.linkedin.com/in/benedetta-arese-lucini/

website: oval money
app: scarica da iTunes e, per le lettrici di LeadingMyself, un’offerta speciale utilizzando il coupon qui sotto! 

20180518_coupons.pptx