Billy Monger: ricominciare da pilota!

pilota

Tutti noi conosciamo il nome di Alex Zanardi, instancabile atleta che, dalla Formula 1, è arrivato a stravincere nella handbike, passando per un terribile incidente in cui ha perso entrambe le gambe. Non vi racconteremo la sua storia, ma quella di un ragazzino, Billy Monger, anche lui pilota e anche lui vittima di un incidente in gara e amputato a entrambi gli arti inferiori.

Billy è un teenager inglese appassionato di motori. A 16 anni è già una promessa e corre in Formula 4, il primo step per arrivare in Formula 1. E Billy sembra averle proprio tutte le carte in regola per arrivare fino in cima!

Ma la sorte a volte gioca brutti scherzi e, a soli 17 anni, Billy Monger resta gravemente ferito in gara, sul circuito di Donington. L’auto di un altro pilota si blocca improvvisamente in mezzo alla pista e lui non riesce ad evitarla. Lo schianto è terribile e le sue condizioni appaiono subito gravi. 

Presto dall’ospedale arriva la sentenza: per salvarlo gli dovranno amputare entrambe le gambe.

La carriera da pilota di Billy sembra infranta.

Il team per il quale Monger correva apre una pagina di crowdfunding per tamponare le prime spese. La reazione di amici e conoscenti e del mondo della Formula 1 è incredibile, tanto che nel giro di pochi mesi vengono raccolte più di 800.000 Sterline (su 260.000 richieste!).

Ma anche la reazione di Billy è incredibile. Il ragazzo avrebbe potuto mollare tutto, fare altro, trovare una nuova passione, ma no. Lui è nato per correre su 4 ruote, con o senza gambe.

Così, dopo un velocissimo recupero e una strabiliante riabilitazione, Billy torna in pista. Dapprima su prototipi, poi su monoposto. Tutte ovviamente adeguate alla sua nuova condizione, con tutti i comandi al volante. E dopo un anno dall’incidente, alla sua prima gara di Formula 3 (una categoria ancora superiore a quella in cui correva prima) sale persino sul podio!

Perché vi abbiamo raccontato la storia di Billy Monger?

Ritornare a guidare dopo un incidente in cui perdi entrambi gli arti inferiori, come ci ha dimostrato Alex Zanardi, si può fare! Ma quando hai 17 anni e la tua carriera di pilota si spezza ancora prima di cominciare, potresti non aver più voglia, lasciar perdere o trovare altre strade. Invece no! “Billy the whizz” come lo chiamano i suoi amici (da whizz-kid, giovane rampante e di talento), ha saputo reagire, lottare per riprendersi il suo destino e la sua passione e ricominciare a scalare quella carriera che aveva sempre desiderato.

Non ha voluto farsi portare via i suoi sogni.

In bocca al lupo Billy Monger!

 

Billy Monger Racing

@BillyMonger – billywhizz